PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA

Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano, che hanno partecipato alla so­lenne Celebrazione Eucaristica presie­duta per la prima volta dall’inizio del suo episcopato da Mons. Luigi Mansi.

Insieme al Vescovo di Andria si è unito alla concelebrazione, Mons. Giuseppe Favale, Vescovo di Conver­sano-Monopoli, diocesi a cui appar­tiene il paese di Rutigliano, città nata­le del Venerabile.

Erano presenti Padre Luigi Bucca­rello, provinciale Osst Provincia di S. Giovanni de Matha, con i suoi confra­telli della comunità di Andria, i nu­merosissimi sacerdoti della diocesi di Andria e quelli di Rutigliano.

Nella sua omelia, Mons. Mansi ha sottolineato che il servizio pasto­rale del nostro Vescovo santo, svolto in tempi di forte contrapposizione ideologica, consistette nel mettere al centro della preghiera e della mis­sione unicamente l’uomo, “la salva­guardia della sua dignità molte volte calpestata dalle varie ideologie e che il vero progresso dell’umanità non è solo quello materiale ma innanzitutto spirituale”. In questi termini, il Vesco­vo Luigi ha visto in questa azione pa­storale un’anticipazione “dei temi che videro la luce poco più di un decennio dopo la sua morte con il Concilio Va­ticano II”.

Al termine della S. Messa, mons. Mansi ha invitato tutti alla preghiera e a chiedere l’intercessione del Venera­bile Servo di Dio per tutte le necessità e situazione di particolare sofferenza.

In questo senso, tutti i fedeli che si recano alla tomba possono scrivere sul registro le loro intenzioni di preghiera o testimonianze di grazie particolari ricevute dall’intercessione di Mons. Di Donna. Ogni 2 del mese, dopo la celebrazione Eucaristica presso la tomba del Venerabile pregheremo per le intenzioni suggeriteci da voi.

La Vicepostulazione ringrazia par­ticolarmente l’Arma dei Carabinieri per la presenza, anche in “Grande uni­forme”, in ricordo del funerale svoltosi il 5 gennaio 1952 in cui parteciparono con un battaglione a cavallo, in segno di gratitudine per il bene ricevuto da Mons. Di Donna nei mesi in cui alcuni di loro furono imprigionati nelle an­guste “Carceri del popolo”, portando conforto materiale e spirituale.

Oltre a questa data importante, è doveroso ricordare il 5 gennaio 1952, giorno delle solenni esequie. Appe­na la notizia della morte del Vescovo si diffuse nella città e nelle altre città della diocesi, tutti accorsero pres­so l’episcopio. Il giorno seguente nel cappellone di S. Riccardo della chiesa Cattedrale di Andria si allestì la came­ra ardente. Per tre giorni ci fu un af­flusso di persone provenienti dai pa­esi limitrofi. Tutti ebbero la possibilità di vedere per l’ultima volta il volto del Vescovo e di far passare i loro rosari sul corpo santo del suo santo pastore.

Quel 5 gennaio la città di Andria visse uno dei momenti più significa­tivi della sua storia: il Vescovo povero che amava i poveri muore. E sono gli stessi poveri che danno a lui l’estremo saluto.

Gli uomini, indossato il cappot­to della festa non vollero mancare a quello che sì, era l’avvenimento che avrebbero raccontato a noi, ma so­prattutto in quella maniera semplice davano degnamente il loro saluto ad uomo, che difese la dignità dell’uomo, soprattutto quello povero e senza so­stentamento.

Tutti avevano compreso di essere stati guidati da un uomo Santo, che metteva in pratica il Vangelo nel na­scondimento e nel quotidiano.

I Vescovi, gli alti prelati, i padri del suo Ordine e i sui sacerdoti e semi­naristi testimoniavano la bellezza del donarsi a Dio senza limiti e nella sof­ferenza. La gente acclamava “è morto un Santo!”.

Questa breve memoria del suo fu­nerale non è una semplice operazione di ricordi dei bei tempi, ma è soprat­tutto tener viva la certezza che se il nostro Venerabile è stato santo nella vita terrena, ora che è in cielo ancor di più, continua il suo servizio di mis­sionario vescovo ascoltando le nostre preghiere. Quella vicinanza che aveva con il suo popolo, adesso diventa an­cor più profonda, perché è vicinanza di spirito con il suo popolo.

Allora ricorriamo sempre di più alla sua intercessione. Portiamo a Lui i nostri bisogni, desideri, come una vol­ta, il suo gregge bussava alla sua por­ta e certamente non era rifiutata, ma veniva accolta, ascoltata e ritornava a casa ricevendo una carezza.

 

La Redazione

 

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto