PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

“Le vocazioni aumentano se cresce la nostra fedeltà alla bellezza della nostra chiamata e della nostra missione”

VERSO L’ASSEMBLEA INTERTRINITARIA
SOLENNITÀ DELLA SS.MA TRINITÀ 2017. IL MESSAGGIO DEL MINISTRO GENERALE

C
ari fratelli e sorelle, preparando­ci alla solennità della Santissima Trinità, nostra festa titolare, vol­tiamoci verso nostro Dio Uno e Trino, con cuore pieno di riconoscen­za e di gioia.

Rinnoviamo la nostra consacrazio­ne speciale alla Santa Trinità e vivia­mo questo tempo di grazia come re­sponsabili amministratori del nostro prezioso patrimonio. Voglio salutare fraternamente e sinceramente ciascu­no di voi, così come ogni comunità o fraternità, augurandovi di vivere una autentica esperienza della gioia e del­la pace del nostro Dio. Vorrei riflettere con voi sulla santità della nostra chia­mata e sull’urgenza di un lavoro serio e continuo in favore delle vocazioni, re­ligiose e laiche, nella nostra Famiglia.

Pur contento del numero crescente dei giovani che entrano nella nostra famiglia in alcuni Paesi, la penuria di vocazioni continua a colpire altre zone geografiche e diventa una preoc­cupazione seria in diversi settori della nostra vita e attività. Numerosi fratelli e sorelle lavorano con energia per of­frire la libertà e la dignità a coloro che ne sono privati, in modo particolare a coloro che non possono vivere libe­ramente la loro fede, soccorrendo chi soffre o è emarginato e sostenendo la fede dei credenti. Anche se il numero di coloro che serviamo aumenta pa­lesemente, il numero di coloro che li servono diminuisce a ritmi allarman­ti. Giustamente, siamo tutti preoccu­pati per la continuità della nostra pre­senza e della nostra opera in un mondo che anela Dio e che cerca con ansia il senso dell’esistenza umana e della sua speranza. Da qui l’importanza di vi­vere in modo più pertinente, più pro­fondo, più fedele la nostra vocazione trinitaria. Ciò renderà da una parte la nostra vita e il nostro ministero, più efficace, e dall’altra la ricerca di voca­zioni più fruttuosa.

Riflettendo su questo argomento, mi sono soffermato sulla Parola di Dio, in particolare sulla pericope che racconta la chiamata dei primi disce­poli nel primo capitolo del Vangelo di Giovanni:

“Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi disce­poli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: ‘Ecco l’agnello di Padre Jose Narlaly*

di Dio!’. E i due discepoli, senten­dolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: ‘Che cercate?’. Gli risposero: ‘Rabbì (che signi­fica maestro), dove abiti?’. Disse loro: ‘Venite e vedrete’. Andaro­no dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Uno dei due che ave­vano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli in­contrò per primo suo fratello Si­mone, e gli disse: ‘Abbiamo trovato il Messia (che significa il Cristo)’ e lo condusse da Gesù. Gesù, fissan­do lo sguardo su di lui, disse: ‘Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pie­tro)’. Il giorno dopo Gesù aveva stabilito di partire per la Galilea; incontrò Filippo e gli disse: ‘Se­guimi’. Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro. Filip­po incontrò Natanaèle e gli disse: ‘Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge e i Profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazaret». Natanaèle esclamò: ‘Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?’. Filippo gli rispose: «Vieni e vedi». Gesù intanto, visto Nata­naèle che gli veniva incontro, disse di lui: ‘Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: ‘Come mi conosci?’. Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico’. Gli replicò Natanaèle: ‘Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!’. Gli rispose Gesù: ‘Perché ti ho detto che ti avevo vi­sto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!’. Poi gli disse: ‘In verità, in verità vi dico: vedre­te il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell’uo­mo’” (1 Gv 35-51).

In questi tre racconti della chiama­ta dei discepoli e della loro decisione di seguire Gesù, il verbo “vedere” e i suoi sinonimi, “porre il suo sguardo” e “guardare”, sono utilizzati più di dieci volte. Gesù vede i discepoli e pone su di loro uno sguardo d’amore; allo stes­so modo i discepoli vogliono vederlo e vedere dove vive. Il verbo “vedere” e i suoi numerosi derivati o connota­zioni sono ricchi di senso: osservare, comprendere, conoscere, cogliere, ac­cettare, percepire, guardare, ecc. Gesù, nostro Maestro e Salvatore, ci consi­dera suoi discepoli, con amore siamo sempre sotto il suo sguardo vigilante. Allo stesso modo, i veri discepoli non smettono di guardare il Salvatore, sempre attenti alla sua presenza. Que­sta attenzione amorosa è permanente nel rapporto reciproco tra il Maestro e il discepolo. Le tre persone della San­ta Trinità, si guardano con amore e in questo amore si riflettono fedelmente.

Quando guardiamo altre realtà perdendo la coscienza della presen­za di Dio nella nostra vita, rischiamo di perdere di vista che cosa abbiamo scelto e, attratti da diverse tentazioni, possiamo essere infedeli. Come Trini­tari, ci è impossibile dimenticare che la nostra chiamata e la nostra consa­crazione speciale non possono essere vissute e nutrite se non dimorando in Dio e Dio in noi. Continuiamo a cerca­re e a vedere il suo volto in ogni perso­na e in ogni realtà creata affinchè la no­stra vocazione sia testimonianza vera in un mondo lacerato e possa essere un modo per attrarre vocazioni alla no­stra famiglia.

Un altro aspetto della nostra voca­zione è quello della santità della vita. La Parola di Dio ci ricorda spesso che siamo chiamati a essere santi come il nostro Padre celeste:

“Perciò, dopo aver preparato la vostra mente all’azione, siate vi­gilanti, fissate ogni speranza in quella grazia che vi sarà data quando Gesù Cristo si rivelerà. Come figli obbedienti, non con­formatevi ai desideri d’un tempo, quando eravate nell’ignoranza, ma ad immagine del Santo che vi ha chiamati, diventate santi anche voi in tutta la vostra condotta; poiché sta scritto: Voi sarete santi, perché io sono santo” (1Pt 1, 13-16).

La nostra consacrazione speciale ci permette di appartenere interamente alla Santissima Trinità e, con la nostra generosità, rendere presente e riflette­re la santità e la misericordia del nostro Dio, santificando così le varie situazio­ni in cui ci troviamo.

Sfortunatamente, oggi gli scandali non sono rari nella Chiesa e nella vita consacrata. Quale rimedio migliore potrebbe esistere davanti a questa si­tuazione se non uno stile di vita au­tenticamente santo e di donazione? La fedeltà ai voti, una vera solidarietà con i nostri fratelli poveri, perseguitati e sof­ferenti, un’autentica vita fraterna nelle comunità e fraternità, sono gli elementi essenziali della vita santa che siamo chiamati a vivere e testimoniare. Il no­stro desiderio e la nostra preghiera per le vocazioni, saranno più efficaci quando saranno accompagnati dalla nostra fedeltà e santità.

Quando i membri dei nostri istituti e fraternità diminuiscono, è estrema­mente importante che siamo vera­mente uniti in spirito e cuore. Non possiamo permettere che le divisioni e le gelosie offuschino la nostra vita e missione:

Vi esorto dunque io, il prigionie­ro nel Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto, con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza, soppor­tandovi a vicenda con amore, cer­cando di conservare l’unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace. Un solo corpo, un solo spiri­to, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Si­gnore, una sola fede, un solo batte­simo. Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tut­ti. (Ef 4, 1-6).

Non ho bisogno di dirvi quanto questi versetti siano pertinenti per noi Trinitari, nel mentre ci prepariamo alla solennità della Santissima Trinità. Non è raro ascoltare storie di divisione e discordia nelle nostre comunità e fra­ternità, costituendo un serio ostacolo alla vita e testimonianza della nostra vocazione trinitaria. Nei nostri sforzi per promuovere le vocazioni, vorrem­mo dare testimonianza degna della bellezza della nostra vocazione. Un vero amore di Dio, dei nostri Istituti e fraternità, ci aiuterà a sormontare le tentazioni di divisione e discordia. Ovunque siamo presenti come Trinita­ri, religiosi e laici, testimoniamo l’unità della Trinità e compiamo sforzi fraterni e comuni per vivere il nostro carisma e promuovere le vocazioni per la nostra Famiglia.

Parlando del nostro carisma, non posso dimenticare i nostri fratelli e so­relle che continuano a soffrire a causa della fede. Ogni volta che partecipo alle riunioni del Sit generale e ascolto le storie drammatiche di persecuzione religiosa nel mondo, sono sempre più cosciente dell’attualità e della perti­nenza della nostra missione trinitaria.

Gli innumerevoli attacchi pre­meditati, pianificati e sferrati contro i cristiani, in particolare nel Medio Oriente e in Asia occidentale, centrale e meridionale, in Africa del nord ed est, dovrebbero rimetterci in discus­sione, invitarci a una preghiera più fervente e ad un’azione efficace. In Nigeria, migliaia di giovani donne ven­gono rapite da Boko Haram e restano ancora oggi schiave. Uomini e donne sono ridotti alla schiavitù, mariti uc­cisi davanti alle loro mogli, neonati sottratti alle braccia delle loro ma­dri e massacrati davanti a loro, ecc. Sono solo alcuni degli orrori di questo dramma.

Durante la conferenza del Sit tenu­tasi a Parigi lo scorso aprile, uno dei conferenzieri è stato Padre John Bo­gna Bakeni, sacerdote della diocesi di Maiduguri in Nigeria che ha descritto le sofferenze inimmaginabili dei suoi cristiani e ha ricordato che la soprav­vivenza dei cristiani perseguitati è il risultato di ore di preghiera e di ado­razione. Ciò testimonia l’importanza della preghiera d’intercessione che non possiamo minimizzare. Dobbia­mo maggiormente reagire insieme presso i governi in favore di coloro che sono imprigionati e perseguitati per la loro fede. Sì, c’è una sensibili­tà crescente su questa questione nella nostra famiglia e dobbiamo svilup­pare la nostra conoscenza in merito e continuare a sensibilizzare gli altri. Intensifichiamo la nostra preghiera di solidarietà per i perseguitati e collabo­riamo sempre più attivamente ai vari progetti intrapresi a livello internazio­nale e regionale. La Trinità che dimora in noi e che adoriamo, non è un Dio di­stante, ma entra e occupa la vita di ogni essere umano, in particolare di coloro che soffrono e dei poveri.

Prima di concludere, mi piacereb­be ricordare ai membri della Famiglia Trinitaria, la prossima celebrazione dell’Assemblea Intertrinitaria che si terrà a Buenos Aires dal 23 al 27 ot­tobre prossimo. Colgo l’occasione per ringraziare in anticipo la commissio­ne preparatoria per il lavoro svolto e da svolgere, per questo evento tanto importante per la vita della nostra fa­miglia. Prepariamoci con la preghiera e la riflessione. Incoraggio di cuore i membri della Famiglia Trinitaria a partecipare a questo evento. Auguro che sia testimonianza forte della nostra identità e missione, che ci sensibilizzi maggiormente al nostro carisma, a vi­vere la nostra vocazione più intensa­mente e a promuovere la nostra pre­senza e attività internazionale, specie in America Latina.

Fissando il nostro sguardo d’amo­re sulla Santa Trinità, viviamo più profondamente la nostra vita fraterna e intensifichiamo la nostra solidarietà verso i poveri, i sofferenti e i persegui­tati.

Con gli auguri più sinceri di una gioiosa e significativa celebrazione della Santa Trinità.

di Padre Jose Narlaly
Ministro Generale Osst

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto