PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

MONTPELLIER 150 ANNI DOPO

VITE TRINITARIE
CONFRATERNITE

Ricorre quest’anno il 150° anni­versario della riapertura dell’at­tuale santuario di San Rocco in pieno centro storico della città di Montpellier. Questa chiesa (molto più piccola) in origine era dedicata a San Paolo ed a partire dal 1611 era stata affidata ai religiosi Trinitari calzati pro­venienti da Arles. Ecco il motivo del nostro interesse.

L’edificio attuale (di stile neogotico) fu costruito a metà XIX sec. in se­guito sia alla ristrutturazione urbana del centro città e sia a seguito di voto popolare, in particolare perché il no­stro santo preservò la sua città natale dall’epidemia di colera dell’epoca. Si trattava inoltre di onorare in maniera ufficiale questo illustre cittadino (il suo culto esisteva già ma era diffuso in più luoghi della zona) e pure di fornire una chiesa sufficientemente capiente per le esigenze di un quartiere che aveva visto aumentare il numero dei suoi abitanti (questo anche in funzio­ne del ripristino delle Parrocchie dopo il Concordato di inizio ‘800).

Il rev. Don Vinas, primo Parroco di questa nuova realtà, ottenne la trasla­zione di diverse reliquie di San Rocco da Arles ed il suo successore, don Recluz, avviò l’opera di edificazione del nuovo luogo di culto, assieme ad una vasta campagna di sensibiliz­zazione sulla figura del santo. Così a partire dal 16 agosto 1860 (posa della prima pietra), si protrassero i lavori (sostenuti anche da una gran­diosa lotteria popolare) che per tutta una serie di problemi logistici si inter­ruppero in seguito, offrendoci così il santuario come lo vediamo ora e cioè privo della due torri campanarie sulla facciata (come da progetto) e di su­perficie ridotta rispetto alla planime­tria elaborata originariamente.

Al suo interno si può ammirare, tra l’altro, la gigantesca statua in mar­mo raffigurante appunto San Rocco (statua di grandi dimensioni perché avrebbe dovuto essere collocata al colmo della facciata), opera (1892) dello scultore montpellieren Auguste Baussan che per il volto prese a mo­dello un suo amico morto nella guer­ra di Prussia (la madre di questi non volle che apparisse il bubbone della peste su una gamba del santo, come da iconografia, il bubbone fu così sostituito da un bendaggio alla gamba stessa). Copia di questa statua (quel delle due è l’origi­nale?) fu donata dalla Diocesi di Montpellier al santuario di Lourdes quando questo venne fornito delle statue dei principali patroni delle diverse città di Francia.

Fin qui la chiesa: ma il santo cosa c’entra?

San Rocco Delacroix nacque in questa città a fine ‘200 e morì in Italia circa 30/35 anni dopo (evitiamo le datazioni, tutt’ora al centro di ricerche). Sicuramente era figlio di Gio­vanni, console della città, e di Libera, di origine lombarda. Come noto, gli era riconosciuto il carisma di guarigione che lo fece diventare popolarissimo come taumaturgo specie per evitare o sanare epidemie.

La sua abitazione (ciò che ne resta, inglobata in un palaz­zo del centro, in piena via di passaggio per Compostela) si trova a poche centinaia di metri sia dalla chiesa (allora) dei padri Trinitari, che dalla Confraternita Trinitaria (attiva) di cui si suppone facesse parte (uno studio attualmente irre­peribile, fatto anni fa a Pavia, affermava esserci ancora in circolazione delle raffigurazioni del nostro santo con l’abiti­no Trinitario). In effetti a poca distanza esisteva l’ospedale di San Firmino dove il nostro santo, da buon confratello, assisteva i malati date pure le sue competenze mediche (era infatti iscritto alla Facoltà di Medicina della tutt’ora in­signe Università cittadina).

Piccola curiosità: la facciata della chiesa della confrater­nita trinitaria è tenuta in piedi da un arco che appoggia sulla facciata del palazzo dalla parte opposta della via. Questo palazzo era l’abitazione dei capo dei protestanti che rasero al suolo le chiese di Montpellier dopo l’Editto di Nantes. Il capomastro che curava le demolizioni non assi­curò quale delle due facciate potesse resistere, quindi per non rischiare il crollo della casa del capo dei protestanti, la chiesa della confraternita trinitaria venne scansata (fu l’unica).

 di Gian Paolo Vigo

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto