L’ESPERIENZA DELLA PROVINCIA SINERGIE VIRTUOSE PER LA FORMAZIONE

VITE TRINITARIE
MEZZO SECOLO DI SERVIZIO

“nei Centri il lavoro di tutti gli operatori risponda, oltre alla scienza ed alla tecnica, all’istanza dell’amore cristiano e del carisma dell’Ordine della SS. Trinità”. Questo è quanto recita l’art. 37 dello Statuto della nostra Provincia religiosa.
Da questo principio discendono una serie di considerazioni.
L’amore cristiano e il carisma prima di tutto. Prima di ogni servizio, di ogni attività sociale, di ogni esperienza orientata alla liberazione integrale dell’uomo.
Ma anche la scienza e la tecnica a sostenere questo impegno. E la formazione e l’aggiornamento professionale sono alcuni dei capisaldi necessari a concretizzarlo.
Sempre, nei nostri Istituti di Andria, Gagliano del Capo, Medea e Venosa, è stata data attenzione alla formazione e all’aggiornamento professionale.
Ciò è testimoniato da una lunga esperienza che, con l’avvento del sistema dell’Educazione continua in medicina (Ecm), si è ulteriormente strutturata, ponendo le basi per un’azione via via più sinergica tra i vari Istituti.
E traspare nel corso di questi anni da tanti riferimenti.
Da “Le braccia dell’Angelo. L’Operatore dei Padri Trinitari: la professionalità e il suo carisma” di Padre Angelo Cipollone (2008): “Lo sviluppo delle conoscenze e la facilità di comunicazione nell’era di Internet impone all’Operatore una attenzione costante nei confronti della propria formazione e della ricerca”.
“L’Operatore diventa parte attiva del processo di costruzione della conoscenza e questo lo obbliga a mettersi continuamente in discussione, imparando dai propri errori, in un processo di costante confronto con i propri collaboratori in vista di una conoscenza condivisa”.
Su Trinità e Liberazione (Settembre 2011) l’allora Ministro Provinciale, padre Nicola Rocca, scriveva: “Ogni Istituto lavora nel campo della disabilità, ma ogni Istituto si differenzia dall’altro, ha delle attività in comune (residenzialità a Gagliano e a Venosa; semiresidenzialità, ambulatoriale e domiciliare ad Andria e a Gagliano) e delle attività specifiche (centro diurno psichiatrico a Gagliano; ambulatori per la terapia fisica ad Andria). Ciò significa che alcune attività di aggiornamento possono interessare operatori di una sola sede oppure essere di comune interesse e quindi replicate in più sedi. Ciò dipende dal numero dei partecipanti e dai formatori. I formatori possono essere nostri stessi operatori purché in possesso dei necessari titoli ed esperienza o anche formatori esterni. Enormi dunque i vantaggi, perché oltre a favorire la condivisione delle varie esperienze significa poter realizzare attività formative corrispondenti ai nostri bisogni che altro non sono che i bisogni dei nostri pazienti”.
A rendere merito di questo impegno ci sono i fatti.
L’avvio del Programma nazionale di Educazione Continua in Medicina è avvenuto nel 2002, in base al D.Lgs. 502/92 integrato dal D.lgs. 229/99. La norma prevedeva l’obbligo della formazione continua per tutti i professionisti della sanità (medici, psicologi, infermieri ed educatori professionali, terapisti della riabilitazione, logopedisti, ecc.), ciò significa che, da allora, ogni anno ogni professionista deve acquisire un certo numero di crediti formativi ECM.
Dal 2002 i Centri di Andria, Venosa e Gagliano del Capo hanno provveduto ad accreditarsi singolarmente come Provider ed ogni Istituto ha organizzato negli anni eventi formativi ai quali sono stati assegnati dalla  Commissione Nazionale per la Formazione continua (Cnfc) i crediti ECM.
Successivamente, con l’Accordo Stato Regioni del 2007 si è giunti all’accreditamento dei Provider. In sostanza al riconoscimento da parte di un’Istituzione pubblica, in questo caso della Cnfc, che un soggetto è attivo e qualificato nel campo della formazione in sanità e che pertanto è abilitato a realizzare attività formative riconosciute idonee per l’ECM. Questo ha determinato un ulteriore salto in avanti delle nostre organizzazioni in relazione all’opportunità di lavorare in maniera sempre più integrata.
Come spesso accade nel nostro Paese, però, rendere concrete le leggi richiede molto tempo. Le specifiche per l’accreditamento, infatti, furono normate solo alcuni anni più tardi e i Provider poterono accreditarsi a partire dal 2011.
La Provincia venne accreditata provvisoriamente il 23 giugno 2011. E fummo tra i primi. Seguirono l’accreditamento standard il 14 settembre 2016 e l’autorizzazione ad erogare formazione a distanza, oltre alla residenziale e alla formazione sul campo, il 20 settembre 2016.
Una valutazione sulla base degli eventi svolti nell’ambito del Programma nazionale di Educazione Continua in Medicina circa la capacità di analisi, progettazione e realizzazione dell’organizzazione in un “universo” di oltre mille Provider, ci ha qualificati tra i migliori Provider per attività prodotta tra le Case di Cura.
La rilevazione ha riguardato gli eventi svolti dal mese di gennaio 2017 al mese di dicembre 2017 ed è stata realizzata attraverso la Banca dati pubblica dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.
Un risultato che sicuramente ne premia l’impegno profuso nel corso dell’ultimo anno nelle attività di aggiornamento dei professionisti sanitari.
E siamo sempre all’opera per migliorare ulteriormente. In questi mesi, proprio per rispondere al meglio ai bisogni delle persone di cui ci prendiamo cura, in linea con le ultime indicazioni della Cnfc, stiamo lavorando alla progettazione dei Dossier formativi aziendali per affrontare la pianificazione dell’attività formativa in maniera sempre più strutturata ed organizzata.
“L’obiettivo che dobbiamo perseguire - raccomanda il nostro Ministro Provinciale, padre Luigi Buccarello - è quello di rendere al meglio coerenti le competenze dei nostri Operatori con il delicato compito a cui siamo chiamati ogni giorno. La responsabilità di dare risposte di alto profilo ai bisogni delle persone che abbiamo in cura è fondamentale. È proprio nella nostra essenza. La formazione, infine, dobbiamo intenderla sì come sviluppo continuo professionale, ma alla luce del carisma dell’Ordine della SS. Trinità. Approfitto per ringraziare tutti quelli, tanti, che in questi anni hanno lavorato per tracciare questo percorso”.

La Redazione

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto