LE MONACHE CONTEMPLATIVE DELL’ORDINE DELLA SANTISSIMA TRINITÀ E DEGLI SCHIAVI

IL VIAGGIO ...IN FAMIGLIA
Sui sentieri attuali della Chiesa come cuore orante del carisma trinitario
PAPA FRANCESCO “La vita fraterna è un elemento essenziale della vita religiosa, e in modo particolare della vita monastica, pur nella pluralità dei carismi”

“Questo pellegrinaggio alla ricerca del Dio vero, che è proprio di ogni cristiano e di ogni consacrato in forza del Battesimo, diventa, per l’azione dello Spirito Santo, sequela pressius Christi, cammino di configurazione a Cristo Signore, che viene espresso con singolare efficacia dalla consacrazione religiosa, e in modo particolare dalla vita monastica, fin dalle origini considerata come un modo particolare di attuazione del Battesimo” (Papa Francesco, Vultum Dei quaerere, 2016,1).

♦ NUOVI ORIZZONTI
Attualmente si contano circa 4000 Monasteri con 43.000 mila monache. La Spagna conta 850 Monasteri, l’Italia 525, la Francia 250 e la Germania 120. Sono i quattro Paesi con più presenza delle Contemplative. Una storia gloriosa per la Chiesa e per il popolo cristiano. Ai nostri giorni, alcune delle nazioni con più Monasteri si trovano in piena ristrutturazione e rivitalizzazione grazie alla Costituzione Apostolica di Papa Francesco Vultum Dei quaerere e all’Istruzione Cor Orans della Congregazione.
Nella Costituzione Apostolica, Papa Francesco invita a riflettere e a discernere sui seguenti dodici argomenti della tradizione monastica: formazione, preghiera, Parola di Dio, Eucarestia e Riconciliazione, vita fraterna in comunità, autonomia, federazioni, clausura, lavoro, silenzio, mezzi di comunicazione e ascesi.
La formazione, l’autonomia, la federazione, la clausura sono i temi attorno ai quali si registrano più domande. Questi due documenti forniscono delle risposte concrete e pratiche, piene di sapienza evangelica. Queste risposte facilitano la accoglienza che Papa Francesco chiede alle tanto amate Monache Contemplative (non potrebbe immaginarsi una Chiesa senza di loro). Questo segnale luminoso dell’amore della Chiesa per le sue preferite, sentinelle del mattino, si percepisce con forza straordinaria nella Costituzione Vultum Dei quaerere (2016) e nell’Istruzione Cor Orans (2018).
La vita e missione di queste sorelle, pienamente consacrate, dai loro Monasteri arriva al cuore di ogni fratello e sorella in ogni angolo del mondo, soprattutto se poveri, scartati, perseguitati… Le Monache Contemplative sono delle madri che adottano come figli tutti gli abitanti del mondo. E come madri danno la vita per loro, ogni giorno, a partire dell’umile e semplice quotidianità nella sequela del Divino Maestro, secondo il proprio carisma. La Vultum Dei quaerere e la Cor Orans ci mostra quanto sia invidiabile questa vocazione, accompagnando Cristo nel donare il Regno di Dio ad ogni cuore umano “qui e ora”.

♦ Monasteri FEDERATI
Le Federazioni portano ad una ristrutturazione per la rivitalizzazione.  Vultum Dei quaerere e Cor Orans parlano di monasteri abilitati per periodi di formazione nelle Federazioni, di una speciale preparazione per le priore e le formatrici, dell’obbligo di far parte di una Federazione, della possibilità di scegliere il tipo di clausura che ogni Monastero preferisce, della gestione della propria autonomia, del discernimento delle vocazioni, della loro formazione…Tutti questi argomenti svelano la speciale attenzione della Chiesa nella promozione delle Monache.
Una delle note più caratteristiche sarebbe la Federazione di tutti i Monasteri secondo i carismi e le famiglie carismatiche, nei diversi luoghi del mondo. La Chiesa aspira ad evitare che ci siano dei Monasteri isolati, in modo tale che tutti possano contare sui requisiti necessari per una autentica vita testimoniale. La vita monastica viene considerata come il Cuore Orante della Chiesa.      

♦ NEL CARISMA
Le Monache dell’Ordine della Santissima Trinità e degli Schiavi sentono l’onore di esser nate nella prima fondazione di San Giovanni de Matha nella Penisola Iberica, Avingagna. Questa Domus Trinitatis è stata a loro concessa dal Ministro Generale dell’Ordine nel 1236, perché fosse il loro primo Monastero. Nel XVIº secolo troviamo un bel gruppo di Monasteri. Alcuni di questi Monasteri nascono a seguito dei Decreti del Concilio di Trento (1464) che orientano tutta la vita religiosa femminile verso la vita monastica. Con le Riforme del secolo XVII troviamo tre differenti rami di Monache Trinitarie: calzate, scalze e riformate. Alle Calzate si sommano le Scalze di San Giovanni Battista della Concezione (1613) e le Riformate della Venerabile Angela Maria della Concezione (1680). Dalle Scalze del Monastero di Madrid nascono le fondazioni di America Latina (Lima 1682 e Penco-Cile 1736). Nonostante le leggi di esclaustrazione del 1835 in Spagna, la grande maggioranza dei Monasteri di Monache Trinitarie sono riusciti a continuare il proprio cammino fino ai nostri giorni.

♦ CHIAMATA E RISPOSTA
A partire dal Concilio Vaticano II si chiede agli Ordini Religiosi che cerchino l’unione. Le Monache dell’Ordine Trinitario prendono a cuore questo invito e riescono a fondersi in un solo ramo, accettando uno stesso abito nel 1967 e le stesse Costituzioni. Nel 1981, alla luce della Costituzione Apostolica Sponsa Christi (1950), si crea la Federazione Santissima Trinità che coinvolge molti Monasteri della Spagna e poi nel 1988 anche quello di Tsiroanomandidy (Madagascar).
Nel 1990 il Monastero di Quintanar (Toledo) fondato nel 1957, inizia la fondazione di un altro Monastero a Guatemala. Questo, ora ben consolidato e con numerose vocazioni, è riuscito ad aprire un altro Monastero sui iuris a Ayaviri (2019), e a Sicuani (Perù). Nel 1992 il Monastero di Lima inizia una fondazione a Guayaquil (Ecuador). E poi nell’anno 2007 un’altra fondazione a Marcarà (Perù), oggi Monastero sui iuris (2019), che vuol dire eretto canonicamente e pienamente autonomo. Nel 2013 inizia la fondazione di un nuovo Monastero a Tegucigalpa (Honduras), e nel 2014 a Ibaguè (Colombia). I diversi Monasteri sui iuris dell’America Latina, insieme a quello di Penco (Cile), hanno dato vita, nell’Assemblea di Lima (luglio 2019), alla Federazione della Santissima Trinità e di Nostra Signore del Buon Rimedio. Ogni Federazione è guidata da una Madre Federale con il suo Consiglio, Segretaria ed Economa.
Dopo il passo alle due Federazioni delle Monache Contemplative Trinitarie Spagna-Madagascar e America Latina con l’integrazione in esse di tutti i Monasteri Trinitari rimane ora l’attualizzazione delle Costituzioni. Questa attualizzazione dovrà essere portata a compimento dalle Monache delle due Federazioni, in comunione. La Santa Sede darà loro i criteri per questa attualizzazione d’accordo alla Costituzione Apostolica Vultum Dei quaerere e all’Istruzione Cor Orans.
“Nel corso dei secoli l’esperienza di queste sorelle, centrata nel Signore quale primo ed unico amore (cfr Os 2,21-25), ha generato copiosi frutti di santità e di missione. Quanta efficacia apostolica si irradia dai monasteri attraverso la preghiera e l’offerta! Quanta gioia e profezia grida al mondo il silenzio dei chiostri!” (Papa Francesco, Vultum Dei quaerere, 2016,5).
“La vita fraterna in comunità è un elemento essenziale della vita religiosa in genere, e in modo particolare della vita monastica, pur nella pluralità dei carismi” (Papa Francesco, Vultum Dei quaerere, 2016, 24). Le Monache Trinitarie, come Ordine della Santissima Trinità e degli Schiavi, sono parte essenziale della Famiglia Trinitaria nel vivere e testimoniare oggi il carisma trinitario-redentivo. 

di Isidoro Murciego

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto