PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO

Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.
Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena arriva il tuo parente più pros­simo, lontano da casa per mille moti­vi: lavoro, responsabilità, a volte una malattia, un impedimento.

Si fa festa.

Così è stato nell’Istituto di Venosa e nella Domus di Bernalda.

È ritornato a farci visita il ministro generale, Padre Josè Narlaly, accom­pagnato da Padre Isidoro Murciego. L’Ordine dei Padri Trinitari è una grande-piccola famiglia (la Famiglia Trinitaria) diffusa in tutto il mondo, contagiati dallo spirito di Giovanni de Matha (1154-1213), il suo fondatore, che volle rendere lode e gloria alla SS. Trinità e impegnare tutti i confratelli a liberare i prigionieri dalle catene della schiavitù.

La visita del Ministro Generale, non è stata una visita canonica, una visita di dovere, una visita, diremmo noi oggi, con fare manageriale-buro­cratico, ispettiva.

No. La visita è stata un ritrovarsi e un convenire per condividere innan­zitutto tra confratelli, ma anche con Ragazzi, Ospiti e operatori le fatiche, le attese, le gioie, le speranze di ogni giorno. Un mettersi accanto al cammi­no lento, a volte faticoso, di un’intera Comunità, chiamata a servire i “pri­gionieri” del nostro tempo, gli ultimi dei nostri giorni, quelli che papa Fran­cesco chiama “gli scarti”.

Una Comunità che vive la comu­nione nella sua quotidianità, nel suo cammino ordinario.

Non è la prima volta, per Padre Narlaly, nè Venosa, nè Bernalda.

Egli, qui è come di casa. Sempre presente, a seguire il cammino della Comunità, a sostenere i suoi progres­si, le opere realizzate dall’impegno e dalla creatività di padre Angelo Ci­pollone.

Questa volta, il Ministro Generale, ha voluto incontrare anche il sinda­co di Venosa, Tommaso Gammone. Ha ringraziato l’Ordine della Trinità dell’attiva presenza ormai lungamen­te consolidata in città e per l’efficacia dell’azione di solidarietà e di assisten­za rivolta a fasce di disabili particolar­mente bisognosi di un territorio sem­pre più vasto.

Non va dimenticato che nella so­lennità accogliente e nel silenzio della Domus di Bernalda sono stati tenuti due Capitoli Provinciali, l’ultimo il Capitolo dell’unificazione delle Pro­vince italiane.

Sono solo in tre i trinitari della co­munità Venosa-Bernalda: con Padre Angelo Cipollone, Padre Pasquale Njara e il diacono frà Donato Aceto. Confratelli che lavorano per l’Istitu­to, per la Basilica della Trinità e per la Parrocchia dell’Immacolata di Venosa e per la Domus di Bernalda.

Una grande, viva e articolata realtà pastorale.

Realtà grandi ed impegnative, chiamate a lasciare il segno non solo in prestazioni socio-sanitarie di eccel­lenza, ma soprattutto a dare il senso di un servizio fatto per amore e con amore.

Diversi i momenti toccanti e signi­ficativi vissuti dal Ministro Generale in parrocchia: il saluto personale ai singoli fedeli, la domenica, a conclu­sione della liturgia eucaristica, una carezza ai piccoli presenti. L’incon­tro con gli operatori. Un grazie per la condivisione, un grazie per l’impegno alla testimonianza.

Nella Domus, oltre ai Ragazzi e ai nonnini, salutati tutti personalmente, oltre alla festa di compleanno della signora Carmela, vissuta con grande gioia, l’incontro più significativo è sta­to certamente quello con la comunità dei Padri anziani (Padre Orlando, Pa­dre Arsenio e Padre Italo) qui ormai da oltre un anno. Sono parte integran­te dell’intera struttura. Una piccola comunità nella comunità. Vivono la loro paternità in comunione fra loro e con tutti gli ospiti della Domus.

“Siamo particolarmente contenti di questa visita del Ministro Padre Nar­lalj”. Ha detto Padre Angelo. “Siamo stati confermati nella nostra azione e nel nostro servizio. Ci ha rincuorati ed invitato a proseguire con impegno nel nostro operato a favore dei più debo­li”.

“Mi porto, sia da Venosa che da Bernalda, un segno di testimonianza viva della nostra missione trinitaria, vissuta e applicata in una molteplicità di iniziative ben organizzate. Sosten­go con la preghiera le vostre attività e il vostro servizio ai fratelli più biso­gnosi”.

Così ha salutato tutti Padre Josè Narlaly.

di Franco Deramo, papà di Salvatore

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto