PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Tanti testimoni di una sola verità: l’unica certezza è Cristo

 Nella faticosa, a volte drammatica, ricom­posizione della coscienza cristiana, oggi più che in altri tempi indispensabile, riesce non consolante - che sa tanto di sacrestia - ma corroborante il motto dell’Or­dine della Santissima Trinità: Gloria tibi Tri­nitas et captivis libertas.

Queste quattro parole contengono una forza inattesa. Dicono la Verità. Senza volersi accreditare la conoscenza storica di un istitu­to religioso che vive ed opera da circa nove secoli - vi sarebbe troppo da studiare! - basta infatti riflettere sul fatto che in quanto riesco, come cristiano, a rendere gloria alla Trinità, a vivere cioè l’amore del Padre, la redenzione del Figlio e la luce dello Spirito, tanto riesco a liberare me stesso dalle catene dell’egoismo e del peccato e ad irradiare nei fratelli lo stesso desiderio di libertà. Questa è “la verità” che posso accogliere dalla mia coscienza e dai fratelli che con la loro testimonianza me la rammentano.

Questo ci viene rammentato da santi an­tichi e moderni, da quelli celebrati dalla li­turgia a quelli ancora viventi. La vita di San Giovanni de Matha è in tal senso ben più di una predica: è un messaggio di potenza stra­ordinaria. Le parole di San Francesco d’Assi­si, che adora nell’umiltà l’Altissimo “che nella Trinità perfetta e nell’Unità semplice” vive e regna, costantemente ci ricordano come “noi tutti, miseri e peccatori, non siamo degni di nominarti, o Padre, e perciò preghiamo che il Signore nostro Gesù Cristo, insieme con lo Spirito Santo Paraclito, ti renda grazie così come a te piace”.

Interessante ricordare per inciso che il francescano Tommaso da Eccleston (ingle­se, morto intorno al 1265) è uno dei primi a testimoniare la presenza dei Trinitari in Inghilterra, “venuti molto tempo prima dei Frati Minori; essi erano stati fondati da un maestro di teologia di nome Giovanni; Gesù Cristo lo aveva ispirato mentre egli celebra­va la messa in Parigi” (Fonti Francescane, Editrici Francescane, Padova 2004, pg. 1625).

Tra i moderni si può ricordare Santa Elisabetta della Trinità (Elisabetta Catez, 1880-2006, monaca carmelitana, canonizzata 16.10.2016), la cui più famosa preghiera co­stituisce un inno alla Trinità Santissima: “O miei Tre, mio tutto, Beatitudine mia, solitu­dine infinita, immensità in cui mi perdo, mi consegno a Voi!”.

Questa è la Verità! Quella che ci viene presentata e vissuta da un’infinità di anime umili ma dal cuore più vasto del mare. Dunque chi sposa la verità rassomiglia al Cristo. Non im­porta sapere se ha confessato la fede in Cristo o no: questo è il termine di un itinerario. Basta dare un bicchiere d’acqua al povero per essere dentro a questo itinerario.

Si può morire per avere reso un servizio pur umile all’uomo, e per questo essere già nel regno di Dio. perché la verità è l’uomo vivente, è l’uo­mo povero, è lo schiavo, è il giusto che muore crocifisso, è in generale una verità collocata fuori legge e fuori ragione. Questo è lo scandalo per­manente del Vangelo, che però è perenne libe­razione.

Verità è consapevolezza di essere, noi cri­stiani, un popolo messianico. Non il momento religioso ci distingue, ma l’essere messianico. Se Messia fu il Cristo, il popolo che lo segue è un popolo messianico. E l’essere messianico lo si ri­leva dalle pagine della Sacra Scrittura.

Il popolo a cui Mosè trasmette il proclama di Dio è un popolo che Dio ha sollevato su ali di aquile: lo ha liberato dall’Egitto. È un popolo li­bero. È un regno di sacerdoti: non un regno con a capo i sacerdoti, un regno di sacerdoti. È una nazione santa: non è una nazione affidata alla gestione di persone sante. È una nazione santa. Tutto ciò significa che questa nazione si lascerà sempre interpellare da Dio, mai si considererà ar­rivata, sarà sempre in cammino. Verso che? Verso la Verità. Aperta quindi ad ogni istanza, ad ogni provocazione, ad ogni inquietudine che metta in subbuglio le sue certezze, perché questa na­zione non ha certezze di sicurezza, di benessere, di pace. Lo insegna la storia antica, lo mostra la storia di oggi con forza probabilmente mai tanto potente.

L’unica certezza è il Cristo, unica Verità. Ci viene ripetuto dai santi, ci viene ripetuto da quanti oggi sfidano il male per far trionfare la Verità - vedi don Luigi Ciotti che un mese fa non ha temuto le scritte minacciose e stolte sui muri di una città bella, piena di luce e di azzurro ma infangata dalla sciagura del male; vedi Papa Francesco che non teme il “nuovo”, ma è profe­ta di misericordia per i buoni e per i cattivi, per i forti e per i deboli, per i giusti e per gli ingiusti.

Il credente entra in comunione con la Verità che è Cristo e la sua rivelazione per mezzo del­lo Spirito, definito “Spirito di Verità” (Gv 14,17; 16,13; 15,26) la cui funzione, dopo la Pasqua, è quella di far comprendere appieno la rivelazione di Gesù, attualizzandola nel cuore dei fedeli. Pro­prio perché lo Spirito conduce i discepoli alla Verità tutta intera, l’evangelista Giovanni può affermare che lo Spirito è la Verità (1 Gv 5,6).

Ai cristiani Giovanni riferisce le frasi prese dalla tradizione che lo precede: “conoscere la Verità”, “fare la Verità”, “dare testimonianza della Verità”, “camminare nella Verità”, eviden­ziando che la rivelazione di Gesù deve diventa­re l’atmosfera abituale in cui si sviluppa la vita cristiana.

La Verità diventa così principio interiore di vita morale, stimolando i credenti ad amare i fratelli nella verità e non nella menzogna. Non si dimentichi, infatti, che il diavolo è “padre di menzogna” e di tutte le menzogne dette e attua­te si renderà conto a Dio.

La Verità è una possibilità di esistenza offerta a chi sceglie Cristo in questo mondo dominato dalla menzogna.

La scelta della Verità, accogliendo ogni istan­za che la sollecita, presuppone una nuova nasci­ta, una autentica e sincera conversione, in forza della quale è possibile opporsi al principe di questo mondo e ai suoi rappresentanti - i poteri mondani chiusi al trascendente - in cui non vi è speranza di mutamento. Ma per dar gloria a Dio, compito al quale siamo chiamati, altro po­tere a cui occorra credere non è necessario, se non quello della Risurrezione.

di Franco Careglio

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto