PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Servizi integrati per la cura dell’Autismo

Nei processi di cura e riabilitazione la Perso­na con disabilità e limitazione della parte­cipazione non deve più essere vista come “malato”, ma come “persona avente diritti”. E compito dell’intervento Riabilitativo è consen­tirle di raggiungere il più alto livello possibile di funzionamento e partecipazione, in relazio­ne alla propria volontà e al contesto, nell’ottica di un reale empowerment. Proprio per questo, i servizi che è necessario mettere in campo devono essere diversificati e integrati. Soprat­tutto, devono coinvolgere chi ne usufruisce. E la famiglia rappresenta una risorsa fondamen­tale nell’intero processo.
A Medea stiamo cercando di fare proprio que­sto. Ne abbiamo parlato con Padre Rocco Cosi, Direttore dell’Istituto in provincia di Udine.

Padre Rocco, come nasce l’Istituto di Medea?
L’Istituto sorge nel 1959 per iniziativa di un sacerdote, qualificandosi inizialmente come Opera per la tutela della Maternità e dell’Infanzia; la presenza dei Padri Trinitari risale però al 1971. Da allora siamo impegnati direttamente con un Centro destinato all’accoglimento residenziale e diurno di persone con disabilità intellettiva. Assistenza ai bisogni quotidiani, supporto negli interventi abilitativi, di sostegno, di crescita e mantenimento delle abilità funzionali, integrazione ed inclusione sociale e, attorno a tutti questi elementi, la costante attenzione per la qualità della vita della persona ospitata: questi gli ingredienti del servizio offerto.

Quali servizi sono attivi?
In struttura sono operativi un Centro Residenziale e due Comunità Alloggio, per un totale di 46 posti disponibili. Inoltre, è attivo un servizio di Funzione Respiro, intervento consistente in un’ospitalità di breve durata destinato alle persone con disabilità in risposta a situazioni di emergenza o difficoltà temporanee della famiglia.
In questo modo affrontiamo quotidianamente le sfide del “prendersi cura”. E lo facciamo con com­petenza scientifica e tecnica da un lato, così come prescritto dalle norme e dalle linee guida, e con la passione e vicinanza alla persona con disabilità, propria del Carisma Trinitario, dall’altro. Con un approccio multidisciplinare che pone in luce le diverse sfaccettature della complessità delle condi­zioni presenti, confluenti tuttavia in una visione ed azione unitarie. Con un’attenzione al passato, a ciò che è stato, che non si può cambiare ma che è importante conoscere; un’attenzione al presente, alla quotidianità, ad un lavoro attento e partecipe, in grado di cogliere la ricchezza umana presente nel concreto vivere comunitario; un’attenzione al futuro, ossia l’esistenza di una direzione ed una prospettiva, una stella polare direzionata verso la basilare meta della qualità della vita, una vita che sia pienamente degna di essere vissuta.

A proposito di futuro, ci saranno novità nei prossimi mesi?
Certo, stanno per avviarsi le attività del Centro per l’Autismo “S. Giovanni de Matha”, un servizio sperimentale di riferimento regionale per persone con disturbi dello spettro autistico in condizione di criticità. Si tratta di una risposta data ad un ter­ritorio, quello della regione Friuli Venezia Giulia, per un problema molto sentito dalle famiglie e dai servizi, che richiede un aiuto professionale e specia­listico nei diversi ambiti di vita: l’autismo, infatti, è una condizione che ha bisogno di un supporto differenziato, a 360 gradi. Come recita la delibera regionale n. 1463 del 28 luglio 2016, il Centro accoglie persone adulte con autismo fino ai 55 anni; abbiamo 24 posti residenziali (dei quali 3 per pron­ta emergenza) e 5 posti diurni, in 3 comode unità abitative. Queste persone avranno la possibilità di partecipare ad attività educative e beneficeranno di interventi professionali individualizzati, partendo dalle necessità peculiari della singola persona.

 

 di Claudio Ciavatta

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto