PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

IL NUOVO DIRETTORE SANITARIO DELL’ISTITUTO DI VENOSA

Dal primo luglio, la direzione sa­nitaria dei servizi erogati dai Padri Trinitari presso il Centro di Venosa è stata affidata al dott. Luigi Ciani.

Neuropsichiatra, criminologo clinico, neuropsichiatra infantile e psicotera­peuta sistemico relazionale e familia­re, Ciani vanta una lunghissima espe­rienza. In passato ha ricoperto diversi ruoli di direzione: dell’Ospedale psi­chiatrico a Foggia, del Centro di salu­te mentale e del Servizio psichiatrico di diagnosi e cura e del Dipartimento misto di salute mentale Asl Foggia . Università degli Studi di Foggia. Con il nuovo direttore abbiamo affrontato alcune delle tematiche relative alla cura, assistenza e riabilitazione delle persone con disabilità intellettiva.

In questa occasione, approfittiamo, operatori e ragazzi, per ringraziare il dottor Michele Germano, precedente Direttore sanitario, per la sua lunga e ottima collaborazione.

Qual è lo stato dell’arte nella cura delle persone con disabilità intel­lettiva?
Negli ultimi decenni abbiamo assisti­to, e per certi versi ne siamo stati an­che attori, a due processi, il primo dei quali è stato quello della prevenzione.
Nel passato il ritardo mentale, i di­sturbi del linguaggio, i gravi quadri di tetraparesi, le problematiche succes­sive relazionali e di apprendimento per lo più derivavano da quello che in un primo momento veniva classifi­cato come danno da paralisi cerebrali infantili, poi denominato danno ence­falico precoce. Oggi tutto ciò fa par­te di un lontano passato in quanto la prevenzione, che inizia già durante la gravidanza, esercita un ruolo essen­ziale nel limitare l’insorgenza di molte patologie. Il secondo elemento che ha giocato un ruolo positivo è stato la organizzazione e la istituzione dei Centri di riabilitazione a livello territo­riale e l’apporto della Legge 104, gra­zie alla quale si è avuto l’inserimento dei bambini e ragazzi in situazioni di handicap nelle scuole “normali”, con il sostegno a tipo continuativo di Equipe riabilitativa.

Quali sono le difficoltà che più fre­quentemente si evidenziano?
Esiste, malgrado questi elementi po­sitivi, ancora un’area grigia. In par­ticolare, dopo la fase della scuola elementare e della scuola media, ci si trova in difficoltà per la mancanza di servizi adeguati. Mancano ancora idonei servizi di pre-orientamento e orientamento al lavoro per garantire ad ognuno la possibilità di potersi sag­giare in attività diverse in quanto non tutti siamo nati per professioni forte­mente intellettualizzate: la società ha bisogno, per sopravvivere, di donne e uomini preparati per mansioni e fun­zioni anche molto diverse tra di loro ma che si collegano in un continuum operativo e sociale. Gli operatori, che tanto hanno dato a livello riabilitativo e di inserimento, molte volte restano frustrati nel verificare che tanto lavoro è sembrato essere quasi inutile. In ve­rità resta aperto il problema inerente il ritardo mentale complicato che pur esiste e continua a sussistere anche dopo lunghi anni di progetti riabilitativi individualizzati e personalizzati. Molte sono le persone che hanno bisogno di trattamento semiresidenziale o re­sidenziale in quanto affette da gravi patologie organiche e relazionali. Pro­prio in queste situazioni è opportuno avere a disposizione strutture che sappiano portare avanti interventi di tipo globale e multidirezionale, aperte e attive con il territorio e specialmente con le famiglie, chiamate ad eserci­tare il proprio ruolo affettivo, emozio­nale e rassicurante. Nessuno deve sentirsi abbandonato: ognuno ha bi­sogno di essere e sentirsi soggetto e oggetto d’amore; è questo, e resta questo, il filo conduttore del vivere umano, di tutti noi uomini, creature di Dio. E l’esperienza dei Padri Trinitari di Venosa, da cinquant’anni, è proprio quella di una grande famiglia, allarga­ta, dove le emozioni possono circola­re ed essere vissute. I Padri Trinitari hanno saputo coniugare l’intervento psicopedagogico con quello riabilitati­vo sullo sfondo di quella grande uma­nità e santa apertura che proviene da lontano, ossia dal Fondatore, ma che ha gradatamente pervaso tutto il per­sonale, che è capace di “toccare”, ac­compagnare, accarezzare proprio chi ha bisogno di una “carezza” giornalie­ra e uno “sguardo” amoroso.

di Claudio Ciavatta
PAGINA A CURA DEL CENTRO DI RIABILITAZIONE DEI PADRI TRINITARI DI VENOSA

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto