Papa Francesco... LA STRADA è TRACCIATA

 

Ormai non è più tempo di stupirsi. Le parole, i gesti, le scelte di vita di Papa Francesco ci interpellano e impongono scelte di campo. E' facile passare dallo stupore all’emozione e persino alla commozione.

Il difficile è passare dalla stupore all’adesione. Ed è proprio questo che invece chiede a ciascuno di noi questo grande Maestro che va in giro per il mondo con la sua umile borsetta e con il suo fresco sorriso. Lungo le strade della Palestina, Papa Francesco ha confermato il volto di una Chiesa profondamente incarnata nella storia, nelle vicende dell’uomo, nelle sue grandi opere e nelle sue miserie d’ogni giorno.

Una Chiesa consapevole della sua storia e però innamorata del suo futuro. I teologi e i filosofi potranno discutere e sicuramente ci aiuteranno a capire come si vadano oggi configurando i profili della sacralità e quelli della santità, ma intanto Francesco, con semplicità ed umiltà, ci fa vedere che Dio si fida dell’uomo e lo sostiene ogni giorno con il suo Spirito d’amore.

Ce lo fa ritrovare là dove sgorga la vita, in quel pulsante bisogno di vitalità che anima le genti, nei travagli della storia, come presenza misericordiosa fra le miserie del mondo, là dove torna a mandare il suo unico Figlio, nostro compagno di viaggio, guida sicura, dispensatore di carità. La strada è ormai tracciata.Papa Francesco illumina con le sue omelie in Santa Marta, con le sue scelte, con i suoi passi lungo la città dell’uomo, con i suoi inviti alla pace e alla preghiera. 

Il suo magistero interpella tutti ed attende una risposta Anche da parte nostra, da parte del gruppo editoriale che allestisce queste pagine per il nostro appuntamento mensile. Ci siamo sempre occupati della liberazione dell’uomo, secondo il carisma dell’Ordine trinitario e per questo abbiamo cercato di vedere nella quotidianità i punti di forza e i punti di sofferenza, le possibilità di riscatto.

 

 

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto