PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Eterni bambini? È TEMPO DI PRENDERE IL LARGO

Ci vengono incontro, nella vita d’ogni giorno, messaggi, model­li comportamentali, stili di vita, esperienze che lì per lì incuriosi­scono, poi fanno sorridere, talvolta ir­ritano, altre volte seducono e intanto creano schemi mentali ai quali diven­ta difficile sottrarsi.

Prendiamo ad esempio i talk-show televisivi, dove spesso ci si imbatte con persone che discutono in pubbli­co dei loro fatti privati. Se ci pensiamo bene, nessuno di questi “programmi” ha mai prodotto un apprezzabile cam­biamento di opinioni. Ciascuno trova nello “spettacolo” argomenti per rima­nere ancorato al proprio convincimen­to. Così come accade per le diverse forme di “tribuna politica”, ciascuno trova argomenti a sostegno delle pro­prie idee. E però tutti incominciano a credere che sia utile mettere in piazza i propri sentimenti privati.

In questo modo si crea una peri­colosa confusione fra spazio privato e spazio pubblico: uno di quegli schemi mentali che ci portiamo dietro senza averci mai seriamente pensato. A questo si aggiungono due corollari, anche questi taciti, anche questi con­vincono in maniera sotterranea. Ecco­li: strillare in pubblico rende davvero liberi; l’applauso in pubblico conferi­sce identità a chi altrimenti rimarreb­be del tutto anonimo. Sì, perché ogni tanto è bello ritrovarsi gomito a gomi­to con altri che la pensano allo stesso modo e che sono disposti a gridare, insieme, contro qualcuno.

Questi schemi culturali, che poi diventano anche stili di vita, sono il segno di un disagio che nasce da una illusione di libertà: sono libero di… gridare, sono libero di dire la mia; non mi vergogno di riconoscere che…, nessuno mi può impedire di…

Non c’è dubbio, la libertà di… è un tratto della libertà e ci piace scoprire che è una esperienza possibile per tutti e per ciascuno.

Già più difficile è l’esperienza del­la libertà da… Liberi dall’ignoranza, liberi dalla miseria, liberi dalla malat­tia. Questo tipo di libertà è più difficile, perché è qualcosa che si conquista nel tempo e a volte con qualche sacrificio personale.

Per ultimo c’è un livello ancora più elevato: la libertà per… Sono libero, per andare incontro al bisogno, libero per condividere ed amare, libero per realizzare e costruire. In questo caso la libertà richiede l’impegno della pro­gettazione di Sé.

La dimensione pubblica del vivere è una bella cosa, ed anzi può aiutarci a realizzare la nostra libertà per… Ma attenzione, il pubblico non è quello del consenso televisivo, non è quello del divano davanti alla televisione. Il pubblico è quello della condivisione. È bello ritrovarsi ogni tanto a condivi­dere una pizza; ma la cosa più saggia è quella di ritrovarsi insieme, per pro­gettare insieme e preparare insieme uno spuntino da condividere in alle­gria. Il fare insieme ci restituisce la di­gnità del “potere”, a fronte dell’identità del “dipendere”.

È evidente che la persona è espo­sta tanto al dipendere quanto al fare. Ma se nel bilancio personale della giornata dovesse prevalere il “dipen­dere”, nel contesto lavorativo, negli affetti, nel tempo libero, … si finisce con l’assomigliare ai bambini. L’adul­to è padrone di sé, è uno che fa, che progetta, che realizza, che conquista, che condivide.

La dipendenza per molti aspetti è anche più comoda (ci sono altri che pensano per me), ma ci fa rimanere bambini. Bambini e con una marcia in meno, perché i bambini sanno trasfor­mare tutto in gioco; e questo non sor­prende nessuno. Mentre il gioco nell’a­dulto deresponsabilizza e, alla lunga, mortifica l’identità personale. Non si può essere eterni bambini: è tempo di prendere il largo e di gustare l’ebrezza del mare aperto, la soddisfazione del­la persona che trasforma il mondo, che conquista quella pienezza di Sé che contagia con la gioia il mondo intero.

Nicola Paparella

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto