PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

IL SUD NON PUÒ PIÙ ATTENDERE

Oggi, simbolicamente, il Sud del mondo è rappresentato dal Mar Mediterraneo, verso le cui sponde si accalcano milioni di disperati che fuggono dall’emargina­zione, la miseria, la fame e la guerra, tendendo la mano verso un Nord del mondo che non sa che cosa fare e qualche volta preferisce non vedere e non sentire.

C’è poi un Sud ancora più profondo dove si disperdono e muoiono i tanti che non riescono a scappare e che neppure sanno dove cercare rifugio.

Le Nazioni Unite calcolano che sia­no almeno 30 milioni le persone che nell’area compresa fra il bacino del Lago Chad, il Corno d’Africa e il Sud Sudan, non hanno cibo e acqua per sopravvivere. Se non si interviene con tempestività, almeno un milione e mezzo di bambini è destinato a morire di denutrizione.

Poco più in là, in un’ampia fascia di territorio che attraversa tutto il conti­nente africano, il colera, che da quel­le parti è da troppo tempo epidemico, sta esplodendo in forma incontrollata, mietendo migliaia e migliaia di vittime.

Si fa presto a dire che è colpa della siccità e magari anche del malgover­no locale. E si capisce anche chi, par­lando di emigrazione, dice non pos­siamo accoglierli tutti; ma là c’è un pezzo di umanità che muore; ci sono i nuovi prigionieri che attendono d’es­ser salvati, ci sono i volti scavati dalla fame, dalla miseria, dalle malattie. Ci sarà qualcosa da fare?

Spezzare le catene della sofferenza, della miseria e della fame è possibi­le. Così come è possibile spezzare le catene della guerra e del terrore. Si tratta di due facce della stessa me­daglia. Dobbiamo convincercene. È possibile.

Giova, però, fare chiarezza; perché se accettiamo le mezze verità, cor­riamo il rischio di non capire. Peggio ancora se ci mettiamo a rincorrere i bizantinismi politici. Occorre invece un linguaggio chiaro ed essenziale. Quando, ad esempio, si parla di mal­governo locale, in Africa, che cosa si vuol dire? Affarismo, ruberie? Anche questo. Ma la grande macchina man­gia soldi che impoverisce milioni di Africani, ha tre profili che dobbiamo imparare a riconoscere.

Il primo si chiama vendita delle armi. Questi Stati (o i loro leader) sono i più apprezzati comparatori di armi di tut­to il mondo. E tutto l’Occidente (Ita­lia compresa) continua a produrre, a vedere e a fare affari con le armi. È tempo di dire basta, senza discussio­ni, senza tentennamenti, senza ecce­zioni. Basta.

La seconda questione si chiama de­bito pubblico degli Stati del Terzo Mondo. Per l’acquisto delle armi e di altre merci che non hanno niente a che fare con la miseria, le malattie e la povertà, questi Stati contraggono debiti vistosissimi che ripagano alle banche (dell’Occidente) con il danaro sottratto allo sviluppo dei loro popoli o con la vendita dei loro tesori naturali. E in questo modo – stiamo attenti - i poveri diventano sempre più poveri.

La terza questione si chiama slealtà dell’Occidente. Ci sono decisioni del­le Nazioni Unite, studi socioeconomi­ci, leggi degli Stati progrediti (Italia compresa) dichiarazioni ufficiali di or­ganismi internazionali che impegna­no gli Stati dell’Occidente a riservare allo sviluppo una quota non inferiore al 2%. del proprio Pil. Tutti hanno sot­toscritto, nessuno si è spinto sino a questo punto. Oggi, grazie all’ultimo “aumento”, l’Italia giunge appena allo 0,17%. Qualcuno dirà: meglio poco che niente. Non è vero. Attenzione. Quei soldi non bastano neppure a pagare gli interessi sul debito, ossia gli interessi che prelevano le banche occidentali… È un imbroglio terribile.

Su ciascuno di questi tre punti si po­trebbero scrivere dei libri; basterebbe ricordarsene ogni giorno, prima che il torpore ci impedisca di vedere, prima che il comodo quotidiano conduca al­trove la nostra attenzione, prima che l’abitudine ci permetta di dimenticare.

A cinquant’anni dalla Populorum pro­gressio abbiamo ancora molto da im­parare.

Le migrazioni incontrollate sono pic­cola cosa. Oltre tutto è tanto vasto il disagio di intere popolazioni ed è tan­to grave la loro condizione che c’è da temere molto di più. Il Sud non può attendere.

 

Nicola Paparella

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto