Potremmo chiamiarlo San Giovanni del Concilio

MODELLI DA VIVERE
L’UNIVERSALE VOCAZIONE ALLA SANTITÀ
LO STORICO DI GIOVANNI XXIII

Papa Francesco? “È figlio del Conci­lio, è figlio di Giovanni XXIII. Come Giovanni Paolo II”. Parola di Alber­to Melloni, ordinario di storia del cristianesimo all’Università di Modena e Reggio Emilia e direttore della Fonda­zione Giovanni XXIII, che a proposito della doppia canonizzazione del 27 apri­le scorso ricorda un precedente illustre montiniano. E a proposito di Papa Ron­calli, lancia a Papa Francesco una propo­sta precisa e suggestiva: che scelga, come nome del nuovo santo, “San Giovanni del Concilio”.

In verità un precedente per la doppia ca­nonizzazione esiste, e risale al 19 marzo 1965, quando Paolo VI rifiutò le richieste fatte da al­cuni vescovi, della Polonia in particolare, di una canonizzazione conciliare di Roncalli e rifiutò nel contempo la minaccia di altri ve­scovi di reagire tramite una canonizzazione a furor di popolo di Pio XII. Paolo VI optò per due processi ordinari, uno per Pio XII e uno per Roncalli. Quando nel 1993 Papa Wojtyla sbloccò la causa di Roncalli, scelse di vinco­larla a quella di Pio XII. E, successivamente, fissò la beatificazione di Papa Roncalli insie­me a quella di Pio IX. La stessa cosa, ma alla rovescia, l’ha fatta Papa Francesco: davanti alle pressioni per una canonizzazione super-rapida di Giovanni Paolo II, ha ripreso l’iter della beatificazione di Roncalli e lo ha fatto procedere in via straordinaria, saltando le ulteriori fasi del processo di canonizzazione. Hanno denominato questa procedura ‘pro gratia’, ma in realtà si tratta di una pratica antica come il mondo: fa parte delle preroga­tive del Papa e della sua infallibilità scegliere i candidati alla canonizzazione e indicarli al culto della Chiesa universale. E può farlo an­che saltando i passaggi intermedi.

Se dovesse indicare la cifra e l’eredità di Giovanni XXIII, da dove partirebbe?

Giovanni XXIII è stato il Papa del Conci­lio: come c’è stato un San Giovanni della Cro­ce, c’è stato un ‘San Giovanni del Concilio’. Sarebbe bello che Papa Francesco scegliesse questo nome per il nuovo Santo... È questa la cifra di Papa Roncalli a cui fare riferimento, come ha riconosciuto Giovanni Paolo II quan­do ha parlato del Concilio come ‘la grande grazia del secolo ventesimo’. Una grazia che è passata dalla santa obbedienza di Giovan­ni XXIII. Roncalli ha sempre rifiutato, per la Chiesa, l’idea della ‘cultura del progetto’: l’immagine, cioè, della riforma della Chiesa come corrispondente a un disegno architet­tonico che va rispettato modulandosi ad esso piano piano. Giovanni XXIII ha accettato la condizione peregrinante della Chiesa, e ha vo­luto rimettere l’umanità su quella lunghezza d’onda.

Ha senso oggi parlare di Concilio Vati­cano II, quando c’è chi a più riprese chiede un “Vaticano III”?

Nel 1909, quando Roncalli era prete da soli cinque anni, l’enciclopedia cattolica più in voga all’epoca, ‘Catholicisme’, alla fine sentenziava che non ci sarebbe stato più bi­sogno di Concili nella Chiesa, perché il Papa aveva ormai acquisito l’infallibilità e la giu­risdizione universale. Poco dopo, nello stesso anno, Bonomelli chiese il Concilio. Ai tempi del Concilio Vaticano II, c’era l’idea che avreb­be dovuto risolvere molto presto i problemi, mentre l’idea del Concilio Vaticano III è nata grazie a chi - come il cardinale Martini nel 1999 - sosteneva che c’era bisogno di un altro Concilio per andare oltre. Bisogna conside­rare il Concilio non tanto come ‘exploit’, ma come espressione della sinodalità nella vita della Chiesa. Il Concilio non è una macchina che prende decisioni: paradossalmente, il Va­ticano II ha funzionato proprio perché la sua impostazione è fallita.

Quale “lezione” ha voluto dare Giovan­ni XXIII convocando il Concilio?

Ha voluto far vivere alla Chiesa l’espe­rienza della collegialità: una lezione attuale ancora oggi. Il nuovo Concilio dovrà porsi di più il tema del rapporto con le altre Chiese. Nel 2016 è stato convocato il Concilio panor­todosso: è la risposta a una seminagione, e pa­radossalmente viene dalle Chiese orientali. È stato il cattolicesimo romano a insegnare loro a trovare la fiducia nella ‘conciliarità’. Papa Francesco sta già percorrendo questa strada: il Consiglio degli otto, ad esempio, non è un organo consultivo ma una realtà collegiale che risponde all’idea di una Chiesa non come democrazia, ma come pneumatologia. L’uni­tà tra le Chiese, il primato della liturgia, il profondissimo radicamento nella tradizione: questi altri tratti caratteristici del Concilio. Per Roncalli la tradizione non era la ‘valigia della nostalgia’, ma il lunghissimo fluire del­la Chiesa nel tempo, che insegna a gioire del presente come occasione e non come minaccia.

Cosa risponde a chi tende ad accostare Giovanni XXIII e Francesco, nel loro tratto pastorale?

Ci abbiamo messo 50 anni a liberarci dal­la vulgata di Roncalli come ‘il Papa buono’! L’eloquenza del papato è solo l’eloquenza del Vangelo: tutto il resto sono trappole da lea­der di partito. Di Giovanni XXIII come di Francesco, la gente apprezza l’autenticità, la coerenza tra ciò che dice e ciò che vive. Para­frasando Paolo VI, possiamo dire che il nostro tempo ha bisogno di maestri che siano anche testimoni. Per aiutarci a scoprire e leggere, da cristiani, i segni dei tempi.

di M. Michela Nicolais

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto