PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

“Non è bene che l’uomo sia solo” Creati a immagine di Dio per essere dono

“Non è bene che l’uomo sia solo” (Gn 2,18). In queste parole espresse da Dio vi è l’invito esplicito a non vivere la solitudine, in quanto in essa l’uomo si espone alla tristezza, alla vergogna, alla tentazione. L’uomo da solo è fragile, per questo è chiamato a vivere in comunione con Dio che lo ha creato e con il prossimo che gli è simile. È nello spiri­to di solidarietà e di amorevole amicizia, che ognuno sovviene ai bisogni dell’altro, a seconda delle proprie capacità e doni.

La società odierna, basata principal­mente sull’egoismo e non sulla verità, genera solitudine: non solo quella delle persone non sposate, delle vedove o de­gli anziani, ma anche la solitudine del fi­glio che non trova nei propri genitori la necessaria comprensione; la solitudine nella coppia che non vive un rapporto autentico e non vi è, di conseguenza, dia­logo profondo; la mancanza in generale di qualcuno che ti ascolti, ti comprenda, ti accompagni.

Nel libro della Genesi dopo aver af­fermato che “non è bene che l’uomo sia solo” leggiamo il desiderio di Dio a non abbandonare l’uomo: “gli voglio dare un aiuto che gli sia simile” (Gn 2,18). Un aiu­to che non significa qualcosa di subalter­no, ma un aiuto vitale. Era necessario che Adamo entrasse in relazione con un altro essere che fosse al suo livello e potes­se così esprimere quell’amore nel quale l’uomo-persona diventa dono e mediante questo dono attua il senso stesso del suo essere ed esistere. L’uomo può esistere ed avere una propria identità solo in relazione con l’altro. Per questo “esse­re ad immagine e somiglianza di Dio” implica esistere in relazione.

Dio non è un essere solitario, ma la misteriosa comunione di tre Persone uguali e distinte: il Padre, il Figlio, e lo Spirito Santo ed è insito in Lui questo desiderio che ogni uomo viva non solo in armoniosa comunione con Lui, ma anche con i propri simili e con tutto il creato. L’uomo e la donna, quindi, cre­ati come unità dei due, sono chiamati a vivere una comunione d’amore e in tal modo a rispecchiare la comunione trinitaria. Ogni uomo è fatto per ama­re e “non è bene che sia solo”, proprio perché da solo non realizzerà se stes­so. Per Dio esiste solo la persona in comunione, dove l’essere in relazione, in comunione è essenziale. Siamo stati creati per farci dono totale. Impariamo ad amare ed essere dono.

“Sii come un padre per gli orfani e come un marito per la loro madre e sarai come un figlio per l’Altissimo, ed egli ti amerà più di tua madre” (Sir 4,10). Dio protegge il povero, lo stra­niero, la vedova e l’orfano (cf. Is 17.23) ed esige che siano particolarmente protetti (Es 22,21ss); in mancanza di appoggi umani Dio stesso interviene liberando i prigionieri, ridonando la vista ai ciechi, rialzando chi è caduto, proteggendo lo straniero, dando so­stegno all’orfano e alla vedova e scom­binando le vie degli empi (cf. Sal 146, 7-9).

La solitudine è anche rivelatrice di salvezza, in quanto diventa un invito alla conversione e a rivedere la propria vita. L’esperienza della malattia, della sofferenza possono essere un modo per ritornare a se stessi, un tempo per riflettere e ritornare a Dio (cf. Gb 19,13-22). Dio abbandona l’uomo che non si converte e preferisce l’esilio come unica via di ritorno: soltanto Dio può strapparlo dalla solitudine e renderlo fecondo (cf. Is 49,21; 54,1ss).

Con la venuta di Gesù vi è l’inten­to di instaurare la comunione con Dio, lacerata dal peccato. Per questo ha as­sunto su di sé la stessa solitudine: ha vinto le tentazioni nel deserto (cf. Mt 4,1-11; 14,23); si è ritirato da solo a pre­gare (cf. Mc 1,35-45; Lc 9,18); ha sudato sangue (cf. Lc 22,44); ha provato il sen­so di abbandono degli apostoli (cf. Mc 14,50) e ha sperimentato l’abbandono del Padre (cf. Mt 27,46). Il tutto “per riunire insieme i figli di Dio dispersi” (Gv 11,52) e ad attirare a sé tutti gli uomini (cf. Gv 12,32). Si è presentato come colui che va in cerca della peco­rella smarrita e la recupera dalla sua drammatica situazione (cf. Lc 15, 4-7); come colui che attente il ritorno del fi­glio prodigo, colui che sperimenta la solitudine provvidenziale (cf Lc 15, 11-32). Soltanto nel silenzio la parola di Dio penetra nell’anima e l’uomo ricono­sce le proprie colpe e “inonda di pianto il suo giaciglio” (Sal 6,7). Soltanto nel silenzio Dio parla al cuore, per questo ognuno è tenuto a ritagliarsi un po’ di tempo per ritirarsi ed incontrare il Si­gnore.

La solitudine e il silenzio, soltanto se sono scelti, diventano un mezzo di crescita interiore; sono due discipline che possono essere considerate come un digiuno dall’interazione e dalla comunicazione con gli altri, per inte­ragire e comunicare solo con Dio nel­la profondità del proprio cuore. È un allontanarsi dall’influenza delle circo­stanze in cui viviamo normalmente, liberandoci dalle distrazioni per con­centrarci più facilmente e più a fondo su noi stessi e su ciò che Dio vuole dirci, solo in questo modo possiamo rinnovarci e fortificarci.

 

di Antonio Scisci

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto