PRESENZA TRINITARI NEL MONDO
[Venosa] Mani in pasta. OPERE D’ARTE, VERI ATTI DI LIBERTÀ
IMAGE Mettere “le mani in pasta”, sentire l’argilla scorrere sotto le dita e ac­corgersi che si modifica anche solo con una piccola pressione, dare sfogo alla propria fantasia con i colori che più...
[Napoli] San Carlo alle Brecce. PADRE JOSÉ NARLALY TRA NOI
IMAGE Per la comunità di San Carlo Borro­meo alle Brecce è stato un giorno pieno di letizia domenica 5 febbraio per la visita dei Padri Trinitari José Narlaly - Ministro Generale dei Tri­nitari - e...
[Andria] La Giornata del Malato. IL VALORE DELLA SOFFERENZA
IMAGE È l’11 febbraio 1858. Siamo a Lourdes, piccola cittadina dei Pirenei france­si, quando, ad una ragazzina di nome Bernadette Soubirous, la Vergine Ma­ria appare per ben 18 volte in una grotta...
[Andria] Il Ministro Generale. “SERVITE PER DARE SPERANZA”
IMAGE Fr. Jose Narlay, il Ministro Generale che guiderà l’Ordine fino al 2019, ha incontrato gli operatori, l’equipe dei medici e tutti i collaboratori della struttura riabilitativa di Quarto Di...
[Bernalda] Narlaly: AL SERVIZIO DEI PRIGIONIERI DEL NOSTRO TEMPO
IMAGE Forse non c’è festa più grande in una famiglia, di quella che si fa quando a casa torna il figlio o il padre.Si respira un clima di attesa, di pre­parativi e si gioisce immediatamente appena...
[Venosa] Premio Carlo Levi. LA CROCE TRINITARIA E IL MEDITERRANEO
IMAGE Meritevole di un riconoscimento fuo­ri concorso nell’ultima edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, “Il blu il rosso nel Mediterraneo colori di un millennio” di Francesco Di Tria...
[Cori] Laici trinitari. IL NATALE CON MARIA DEL SOCCORSO
IMAGE In occasione dell’ultimo Natale i trini­tari laici di Cori sono stati promotori di diversi eventi che hanno coinvolto numerose famiglie. L’8 dicembre è iniziato il calendario natalizio con la...
[Andria] 65° anniversario. RICORDANDO IL VENERABILE DI DONNA
IMAGE Nella continuità di una tradizione mai interrotta nella Diocesi di Andria, anche quest’anno al secondo giorno del 2017, la chiesa Cattedrale è stata gremita di fedeli di Andria e di Ruti­gliano,...
[Bernalda] Note di solidarietà. EQUITÀ SOCIALE E DIGNITÀ DELL’UOMO
IMAGE A Bernalda il Concerto annuale della Solidarietà è alla settima edizione. E non dà segni di crisi, anzi.Ogni anno una sorpresa. Con arti­sti sempre di grande rilievo, spesso di fama...
[Cracovia] Austria e Polonia. NUOVO CONSIGLIO DELLA DELEGAZIONE
IMAGE I frati trinitari della Delegazione au­stro-polacca della Provincia di San Giovanni de Matha, si sono trovati a Cracovia per discutere la questione del futuro della loro presenza in que­sti due...

  

 

 

 

Il Mosaico di San Tommaso in Formis
Identità trinitaria e missione

La riflessione del Ministro Generale pubblicata dalla rivista dei Trinitari dell’India Trinitarian waves nel suo primo numero, gennaio-giugno 2014. Continua...

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

IMPARARE A SCRUTARE GLI ABISSI

“Nessuno può servire due pa­droni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si af­fezionerà all’uno e disprez­zerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza” (Lc 16,13). Si è di fronte ad una alternativa: o si condivide la ‘ricchezza’ fino a sapersi spogliare di essa, oppure essa ci rende schiavi. Quando una persona vive per l’accu­mulo di ricchezza, pensa di trovare sicurezza nel possedere sempre di più e guarda al denaro come a uno strumento di salvezza della propria vita, per questo nel suo cuore non c’è più posto né per Dio e né per gli altri. È difficile servire due padroni, poiché si deve stare dalla parte o dell’uno o dell’altro, e di conseguen­za essere amico o nemico dell’uno e dell’altro. Non si tratta del tempo da dedicare ad uno ed all’altro, ma delle emozioni e dei sentimenti che sono insite in un rapporto. Per questo co­lui che vuole servire il ‘Regno di Dio’ deve allontanare dal suo cuore il ‘re­gno del mondo’. Chi vuole servire il Signore lo deve fare con cuore libero (cfr. Mt 19,21). Siamo continuamente chiamati a scegliere e decidere. Due parole utilizzate molto spesso come sinonimi, ma che, analizzate in pro­fondità, presentano delle differenze. La scelta riguarda principalmente le preferenze soggettive della persona, che possono trovare soddisfazione soltanto se la scelta dipende dal sog­getto che sceglie. Decidere deriva, invece, dal latino ‘tagliare’, che sta a indicare un giudizio definitivo, una ri­soluzione che pone fine a ogni dubbio e incertezza. Al contrario della scelta, che rispecchia delle preferenze sog­gettive, la decisione riflette qualcosa di più oggettivo e necessario che può anche contrastare le preferenze individuali La scelta individuale, quindi, è, per sua natura, soggettiva e arbi­traria, mentre la decisione ha a che fare con la conoscenza: si può de­cidere realmente soltanto ciò che è conosciuto come il modo più corretto di eseguire un’azione. Sicuramente si può anche decidere senza cognizio­ne di causa, ma in questo caso non si decide realmente, in quanto si sceglie a casaccio fra varie possibilità. Si può anche decidere basandosi su delle proprie preferenze o su preferenze di altri, ma anche in questo caso non si decide realmente, ma ci si limita a fare una scelta.

Il Signore ci ricorda che “nessuno può servire due padroni”.

“Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rin­novando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto” (Rm 12,2). Ad un certo punto della nostra vita siamo chiamati a prendere delle decisioni. È un momento importante. È una esperienza nella quale l’uomo è chiamato a prendere coscienza della propria essenza e della propria maturità.

Quando questo accade, facciamo tutti l’esperienza di come sia diffici­le scegliere e decidere quale strada imboccare. Questo accade perché non siamo strati educati ad affonda­re la vita assumendoci la responsa­bilità delle scelte, perché altri, fino a quel momento, le hanno fatte per noi. Può accadere anche che vi sia una dipendenza reciproca: di chi non si assume realmente la responsabilità di scegliere e di chi sceglie per l’altro. Non è facile scegliere, ma è doveroso farlo. Non è sano delegare agli altri le nostre scelte per paura di sbagliare, occorre fare discernimento e prende­re sempre una decisione: si matura al sole della grazia di Dio e all’ombra dei errori commessi.

Gesù ha sentito il bisogno di fare di­scernimento per poter comprendere al meglio la volontà del Padre. Ha fat­to discernimento prima di scegliere i dodici apostoli (cf Lc 6,12-13), nell’e­vento della trasfigurazione: “Gesù salì sul monte a pregare... E, mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspet­to... Ed ecco due uomini parlavano con lui: erano Mosè ed Elia... e parla­vano della sua dipartita che avrebbe portato a compimento a Gerusalem­me” (Lc 9,28-31). Gesù oltre a ope­rare lui il discernimento in vari mo­menti della sua vita (cf Mc 12,1-12; Lc 13,1-5), invita i discepoli a saper fare discernimento.“Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: Viene la pioggia, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: Ci sarà caldo, e così accade. Ipocriti! Sapete giudicare l’aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo? E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giu­sto?” (Lc 12,54-57).

Discernere è analizzare, è penetra­re con lo sguardo. È come “scrutare gli abissi”. Noi vediamo la superficie della terra, ma non le sue fondamen­ta (cf Ger 31,37). Vediamo la foresta nel suo insieme, ma non riusciamo a discernere ciò che sta dietro (cf Ger 46,23).

Da soli non siamo in grado di “scruta­re gli abissi”, abbiamo bisogno dello Spirito che ci apra la mente (cfr. Rm 8). Lo Spirito è colui che abitando nel cuore dell’uomo lo rende libero dal­le proprie schiavitù, e dona all’uomo le virtù di cui ha bisogno, operando quella purificazione che è il presup­posto necessario per poter discerne­re rettamente (cf Rm 12,1-2).

di Antonio Scisci

L'ULTIMO NUMERO

RUBRICHE
SERVIZI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso Accetto